Fu costruita verso il 1609 ed ampliata nel 1690. La facciata è tutta eseguita con blocchetti della caratteristica varietà locale di peperino di colorazione rossastra.

Nell’interno, ad una navata, è notevole il grande altare maggiore barocco, interamente scolpito, insieme al coro, in legno di noce. Nell’adiacente ex convento, che appartenne dapprima ai Carmelitani e successivamente ai Francescani, è un piccolo, semplice, chiostro, sotto i cui portici sono delle tempere di soggetto francescano, molto deteriorate.

In una di tali tempere sono dipinti, in costumi anacronistici, sullo sfondo del panorama di Soriano, un Papa circondato dalla Corte Pontificia ed una figura inginocchiata, vestita col saio dell’ordine del poverello di Assisi: si tratta del Papa Niccolò III in atto di consegnare al Generale dei Francescani del tempo la Costituzione Apostolica di riconferma dell’Ordine minoritico, promulgata in Soriano nel 1279.